Francesco Caprioli


 

Francesco Caprioli è nato a Brindisi il 28 marzo del 1975. Sin da piccolo nutre una forte passione per l'informatica che diviene presto il suo lavoro: nel 1997 è consulente esterno per una banca pugliese e nel 2000 entra nell'organico come sistemista. In banca stringe amicizia con un gruppo di attivissimi home brewers. Il tema birra diventa argomento di discussione quotidiano oltre ad essere motivo di aggregazione e di competizione tra colleghi. Il gruppo organizza continui contest di home brewing. Nei primi del 2000 le realtà brassicole non sono tante. Grazie a frequenti viaggi ed alla facilità di comunicazione Francesco approfondisce l'argomento. Entra in contatto con i protagonisti del momento. Le amicizie sono giuste ed importanti: Yuri e Gianluca del Pub Ottavonano di Atripalda e per loro tramite incontra Luigi Serpe, allora birraio del birrificio Maltovivo. Luigi prende a cuore la curiosità e l'intraprendenza di Francesco. Si instaura una bella amicizia fatta di condivisione di esperienze tra l'home brewer di spiccata creatività ed il Maestro. L'approccio di Francesco è da umile apprendista ma che impara velocemente. I due cominciano a sperimentare e danno vita alla Noscia, una delle prime American Pale Ple prodotte in italia (medaglia d'oro al concorso Birra dell'anno 2006). Contemporaneamente fonda a Lecce il Birsciòp primo beer shop del Salento ed unico negozio in puglia specializzato in birre artigianali. Questa volta è con Bruno Petrosillo, amico di vecchia data. L'esperienza è notevole e gestire il Birsciòp da la possibilità a Francesco e Bruno di accedere all'intero panorama brassicolo mondiale. È col Birsciòp che da vita alla beer firm "Birra Salento". Al fianco di Francesco e Bruno c'è Teo Musso. Nascono così nell'ordine Beggia, Pizzica e Taranta, tutte e tre prodotte nel birrificio Baladin. Nel 2009 nuovo incontro folgorante dal quale nasce un nuovo progetto: Francesco e Roy Paci fondano "I Birrogastrofonici". La neonata beer firm (che diverrà poco dopo Beerock) da vita al progetto "Slow(e)Motion". Vero e proprio laboratorio sensoriale itinerante per promuovere la birra artigianale ed elevarla ad elemento autentico in grado di far interagire la cucina ed il suono con dialogo neosincretico. Nascono quindi la "Beerock" American Pale Ale e le "Plectrum", barley wine che invecchiano in barrique. Avvia  una collaborazione con il birrificio Gruit di Brindisi sviluppando la ricette per: "Nera" (English Porter), "SuperGruit" (Stong Ale), "Light" (Bitter Ale da 3%alc. - Gran Menzione al Bruxelles Beer Challenge 2013). È impegnato nella sperimentazione per la produzione di birre senza glutine e produce la "MiglioRe", birra al miglio. Nel 2016, Francesco e Luigi Serpe fondano "Cotta Continua", una collaborazione tra Beerock e Scirocco Brewing (beer firm coordinata da Luigi Serpe) dalla quale nasce "SheRocks" una Black triple allo zenzero e fave di cacao. To be continued....